TERZO CORRIDOIO DI ECLISSI 2020: LO SPIRAGLIO DI LUCE - OLLìN

Il 15 di novembre del 2020 con la Luna Nuova in Scorpione siamo entrati nell'ultimo corridoio di eclissi di quest'anno, un altro passo verso un cambiamento ulteriore che vedrà la sua culminazione con il passaggio di Saturno e Giove in Aquario dal 17 di dicembre e che segna una nuova tappa tutta da scoprire. Possiamo fare molte supposizioni e vedere un certo andamento che ci viene richiesto, ma quello che accadrà lo creeremo tutti insieme giorno per giorno, scelta per scelta e questa è una certezza, saremo chiamati a fare scelte adulte e importanti nelle nostre vite.

 

L'energia delle eclissi è destabilizzante, rompe muri, rompe cordoni che ci legano al passato e come lo fa? facendolo tornare a noi...ripresentandosi con altri volti per farci ricordare e scegliere se agire diversamente o ripetere. Siamo sempre noi che manifestiamo l'energia e questa deve passare nel nostro canale interiore e verrà filtrata dalle informazioni che abbiamo dentro. Ora, cosa rimarrà di questa destrutturazione?

 

Il 30 di novembre la prima eclissi penumbrale sarà nel segno dei Gemelli e la Luna si vela leggermente di nero. Incominciamo ad esaltare l'asse dei nodi di cui vi ho parlato articoli fa e che trovate sul mio blog. Ho parlato di integrità o scissione. Ho parlato di alleggerirsi integrando la nostra profondità, le nostre ombre o continuare a disperderci nelle cose superficiali che non ci portano a nulla. Una valanga di informazioni mentali che ci hanno riempito di concetti, ma quanto li hai fatti scendere e radicare dentro di te. Allora l'informazione a cosa serve?

 

Il passaggio di questo fine anno è stretto.

 

“…entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta ed angusta la via che conduce alla Vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano”.(Matteo 7,13-14).

 

Si sono aperte tante porte, anzi portoni. Ci sono tanti che scrivono e dicono e ci portano informazioni su tutto, io compresa. Si è aperta la via dell'informazione apparentemente libera e invece, ecco il caos mediatico dove non è più il sentire a condurre, ma lo schermo video, quindi gli occhi fisici. La liberazione non è mai per le grandi vie che tutti vedono facilmente. Pensate alle sacre scritture antiche....parlano con metafore perché? perché solo per chi ha occhi per vedere e cuore per sentire potrà trovare il vero senso dietro le apparenze che formano le vie larghe aperte a tutti. Questa la chiamiamo tecnologia ed evoluzione e invece, non abbiamo ancora compreso cosa sia davvero l'importante per l'umano...e cosa se non il suo cuore? E cos'è il cuore se non la via della vita?

 

Nulla è davvero così facile qui. Bisogna passare dalla cruna dell'ago e noi abbiamo le indicazioni da sempre, ma ce ne siamo dimenticati. Siccome parlano con metafore pochi sono quelli che sentono la verità in esse. La finzione e la menzogna sono aspetti ombra dei gemelli. I fuggitivi, gli eterni Peter Pan con il suo fratello sagittario che in ombra diventa il viaggiatore che guarda sempre per aria e mai per terra e allora, perseguita la scissione e non integra il Cielo con la Terra, cosa che l'arcere dovrebbe mirare a fare.

 

Non è scontato che accada un'evoluzione avanzata dentro di noi e nemmeno nel collettivo. Non sono i transiti che la provocano. Il 14 di dicembre l'eclisse di sole totale più forte sarà con il novilunio nel Sagittario e darà il via al cambiamento di energia che ci accompagnerà per duecento anni nell'elemento aria. L'arcere è il simbolo del centauro e io ho sentito la necessità di scrivere un libro sul centauro che rappresenta di più questa metamorfosi: Chirone. Avremo modo di parlarne, ma la verità di questa energia viene conquistata dentro di noi e non fuori....ma in che senso?

 

Da chi stiamo realmente fuggendo? La luce è dentro di noi così come l'ombra. La proiezione fuori è frutto del nostro passato e delle memorie che portiamo dentro. Tendiamo a ripetere lo stesso film tante volte finché ci accorgiamo che è solo un film e anche se fa male, noi abbiamo il potere di cambiarlo. E' un film che appiccichiamo sui volti di altre persone che non c'entrano nulla e non le stiamo nemmeno vedendo per ciò che sono come non vediamo noi stessi. Come si cambia il film? attraversando il dolore che ci provoca dentro quando dobbiamo trovare la forza del cuore per rompere le strutture che ci SEPARANO DA NOI e morire a noi stessi. Quella luna in scorpione che ci parla proprio di questo... 

 

Nella via larga troverete apparentemente tutto ciò che vorreste per evitare di entrare dentro dove fa male. Quella via non vi porterà da nessuna parte. La via stretta e angusta è quella dove alla fine troverete la luce, ma solo se sarete disposti ad attraversare il buio e ad attivare, come il processo alchemico spiega da migliaia di anni, le capacità più profonde dell'umano verso il proprio cuore. Come si fa? Avvicinatevi a chi lo ha fatto, state con chi ha esperienza e parla della sua vita e delle sue difficoltà che è riuscito a superare, state vicino a chi è nell'esperienza e non si riempie di parole. Non sono i titoli che fanno la bravura delle persone, ma l'interiorità di esse che fa la differenza. E tutti noi siamo chiamati a questo: a fare la differenza, a fare cose diverse da ciò che conoscevamo, ad affidarci a ciò che ci mostra il filo di arianna della vita, a lasciar andare il passato scegliendo la via del perdono, a integrare ciò che diciamo, pensiamo e sentiamo nel quotidiano...ed essere INTEGRI.

 

Della congiunzione avremo modo di parlarne.....ma ora stiamo connessi a ciò che è vero per noi, attenti a ciò che emerge in queste settimane che ci parla di qualcosa che ancora è presente e magari, la possibilità di accogliere e non reagire come facevamo ci permette di cambiare la nostra storia, non nel passato, ma nel presente. Con gli occhi del bambino possiamo tornare a stupirci e smettere di reclamare fuori ma ritornare dentro e riempirci di noi per poi condividere con gli altri che sono pieni come noi...pieni nel cuore e non nell'Ego.

 

Il corridoio di eclissi finirà il 30 dicembre con la luna piena in Cancro...che chiude il ciclo di tre anni di Saturno in Capricorno e gli ultimi residui e che ci ricorda che le emozioni sono la via del cuore. Mi auguro che tutti lo abbiamo potuto ricordare.

 

Ad ogni modo..... da dicembre avremo anni dove la vita ci stupirà con tutta se stessa.....lo ha già fatto nel 2020? non abbastanza.....

 

Con gioia verso la luce.....

 

Francesca Ollìn

 

*copia consentita con citazione della fonte e rispettandone la forma integra 

 

www.semidiluceblu.it

 

 

www.aomiaccademia.it