LUNA PIENA IN SCORPIONE E INIZIO DELLA STAGIONE DI ECLISSI: IL CAMBIO VIBRAZIONALE DEL DNA - OLLìN

L’ambiente condiziona il nostro DNA, l’informazione che vi è contenuta all’interno. Gli studi di epigenetica, che sono ancora in fase iniziale, stanno portando una grande rivoluzione alla conoscenza della plasticità ed ereditarietà dei caratteri genetici. L'ambiente condiziona e modifica questi caratteri che includono le informazioni comportamentali ed emotive modificandone la struttura. Questo significa che dove stiamo, con chi stiamo, da dove veniamo, come interagiamo e come elaboriamo l'ambiente esterno, informazioni, situazioni, persone, va a incidere sulla nostra informazione genetica.

 

Queste informazioni di cui siamo artefici, in parte in modo attivo e in parte in modo passivo, modificano le molecole esterne alle eliche di DNA che vanno a modificare, a loro volta, l'informazione della sintesi proteica interna. Si sa anche che la sintesi proteica è implicata nella produzione di ricordi, memoria, strutture emotive e tutto ciò di cui abbiamo bisogno per vivere ed evolvere.

 

E cosa c’entra questo con la luna e scorpione e l’eclissi? La madrina di questa stagione, la prima dell’anno, è proprio la luna in scorpione che sappiamo bene essere una luna particolare per la sua intensità, chiamata anche la luna del Wesak perché fu la luna che accompagnò l’illuminazione del Buddha. Questo sicuramente non significa che ogni volta qualcuno s'illumina, proprio perché non dipende dalle lune o dall’esterno di noi, ma da una base di libero arbitrio che abbiamo nel momento in cui acquisiamo consapevolezza. Senza consapevolezza non vi è nessun libero arbitrio.

 

Sappiamo che i ricordi e le memorie scorpioniche sono molto intense, vengono dal passato e da un inconscio che fa fatica a elaborare e a lasciar andare, tocca la sessualità e le pulsioni più profonde, quelle che se non vengono riconosciute, diventano altamente distruttive. Tocca il tema della morte come rinascita, come momento sacro dove abbandonarsi alla fede che tutto ha un senso misterioso più grande che ci conduce e che non sappiamo dove ci voglia portare. Questa è l'essenza dell'illuminazione. 

 

Possiamo fare molti discorsi sulla morte ma vi assicuro, che è molto più profondo di ciò che si SA nelle mente. MORIRE è vivere, quanto più vivi, quanto più includi il morire nella tua quotidianità, tanto più acquisisce valore la vita. Non ci si può pre-occupare di questo tema, si può solo includere, accettare, far fluire, quando la vita chiama alla morte, questo è un momento SACRO. Se davvero vuoi conoscere il sacro, lo puoi fare solo quando tutto viene portato alla pratica, unendo il Cielo e la Terra, il conscio e l'inconscio, il conosciuto con lo sconosciuto. Fa tutto parte di noi.

 

Per quanto riguarda le eclissi, ormai da anni vi racconto che la loro energia inizia 15 giorni prima (viene sempre fatta partire da una luna piena o nuova) e si conclude con la luna dopo 15 giorni. Siamo quindi ad attendere due eclissi, una lunare il 26 di maggio nel segno del Sagittario e una Solare anulare il 10 di giugno in Gemelli. Questo corridoio finirà con la Luna piena in capricorno del 24 giugno.

 

Stiamo navigando nell’asse Gemelli - Sagittario, un asse un pò strano, di ricercatori di verità, di centauri, di integrità davanti alla dualità, di ritorno alla conoscenza dello Spirito nel momento in cui torniamo INTERI. Nell'ombra diventa la separazione e scissione, il non sapere fare scelte dalla nostra integrità ma dalle parti superficiali di noi, l'assenza di verità, la menzogna, la confusione mentale, la ricerca del superficiale, la fuga da se stessi. Sono quelli, insomma, che se la raccontano meglio nello zodiaco, proprio per la loro intelligenza e mentale cosi potente.

 

Ma come unire tutte queste informazioni, visto che parliamo di integrità?

 

Sappiamo dagli studi di fisica quantistica che da dopo Einstein, il padre della scoperta che materia ed energia sono inscindibili, si è visto che immettendo in un sistema molecolare un quanto di energia, questo sistema era spinto a fare un salto quantico. Velo spiego così per semplificarlo, il discorso è che serve un quanto di energia (un pacchetto misurabile) per far fare un salto di vibrazione a un sistema. Questo viene osservato nel piccolo, ma sappiamo che noi siamo fatti di piccolo che, strato dopo strato, crea il grande. Per fare un salto quantico, che può esser fatto solo in modo singolo e non collettivo, creando un' onda di risonanza tale per cui, altri sono spinti a fare la stessa cosa, serve l'immissione di tanta energia che va a cambiare l'informazione che abbiamo nel nostro DNA. E cosa sta accadendo nel nostro sistema solare?

 

Da tempo vi parlo del sistema solare gemello insieme a Maria Rosaria Iuliucci che è la madrina italiana di questa informazione tratta da Samuel Hoffman e da tante ricerche empiriche fatte nel tempo. Da tempo sapete che il nostro campo magnetico è altamente sollecitato e indebolito dall'entrata massiva di tanta energia non solo solare, come sapevamo prima, ma da fonti che la NASA non riconosce pubblicamente. Da tempo ormai, abbiamo informazioni di sbalzi importanti della frequenza di Shumann (che è legata la campo magnetico). Crolli del campo e attivazione di vulcani e terremoti nel nostro sistema, oltre a tempeste elettriche sempre più frequenti (sono quelle che aumentano la frequenza di Shumann).

 

Una grossa quantità di energia sta venendo inserita nel sistema terrestre e nel collettivo umano. Il virus non è altro che un metodo che ha la nostra Natura per disintossicare (e non solo a livello fisico) il sistema collettivo, per creare uno spazio che potrebbe permettere a molti individui di fare questo salto quantico. Non si vedrà in grandi numeri, ma nel microcosmo personale e vi assicuro che spariranno molte persone dalla vostra vista e non necessariamente perché saranno trascese ad altri Mondi, ma nelle linee di tempo e spazio all'interno della stessa realtà (di questo ne pareremo più avanti)

 

Tutto questo ha un prezzo da pagare, perché su questo pianeta nulla è gratis. La luna in scorpione con le configurazioni nel Cielo ci parlano di una rottura e chi meglio delle eclissi può spingere a rompere ogni schema per portarci sulla via dell'integrità?

 

E' un lavoro profondo fare un salto quantico, ci chiede di staccare cordoni ombelicali, darci la possibilità di crescere attraverso la perdita, il vuoto, la solitudine, il dolore che diventa, poi, una crescita insieme quando ci ritroviamo attratti dalla nuova frequenza.

 

Vi ricordo che i Maya non sono mai scomparsi e nemmeno gli uomini e donne di potere che erano vivi al tempo di Cortes e la conquista del Messico. Se avete letto il libro della profezia di Celestino saprete che sono ascesi ad un altra dimensione pur vivendo in questo Pianeta (un'altra linea di tempo e spazio). Il nostro DNA sta cambiando e tutto ciò che emerge in questi tempi è ciò che impedisce questo cambiamento, la nostra consapevolezza viene proprio dall'elaborazione degli schemi vecchi, a questo servono. Siamo plastici e come tali possiamo cambiare l'informazione ed è ciò che sta avvenendo, per questo molte persone hanno segni fisici importanti.

 

E non è finita qui. Le rivelazioni saranno diverse se sappiamo coglierle. Ricordo che questo è l'asse della conoscenza che va oltre il conosciuto (sagittario). Ci sono molte cose in ballo e sapremo sicuramente, ognuno a modo proprio, seguire la nostra chiamata, dove ci porta lo scopriamo facendone esperienza. D'altronde ho chiamato questo 2021, l'anno della chiamata...a ognuno la sua, ma nessuno resterà uguale a prima.

 

Buon Plenilunio!

 

Francesca Ollìn

 

www.semidiluceblu.it

www.ollinsemidiluceblu.it

www.aomiaccademia.it

 

 

*copia consentita con citazione della fonte e rispettandone la forma integra